Oggi ho ricevuto una splendida email da parte di un Signore Gentilissimo. Questo Signore mi ha segnalato una sorprendente analogia . Analogia che mi ha talmente stupito da farmi pensare più a una copia precissima. E' proprio lui. Ma non vi lascio ancora sulle spine..... Il modello oggetto dell'analogia è Santa Margherita del catalogo del 1966. L'analogia "chiarissima" è con un abito indossato dall'attrice  Dorothy Provine  nel film  "Scusa me lo presti tuo marito?" (titolo originale "Good Neighbor Sam"), commedia  americana con Jack Lemmon, Romy Schneider e Dorothy Provine del 1964. Vi inserisco qui sotto il video del link del film. Come stessa attenta segnalazione sempre del nostro gentilissimo amico dobbiamo sposatare il  timer ad un ora e 3 minuti.
 
 
 
 
 
ecco il fermo immagine
 
 
 
 
 
 
Photobucket
 
strabiliante vero???? e guardate il particolare.....più ingrandito della margherita
 
 
 
 
 
 
Photobucket
 
Che ne dite? Complimenti al Signore che ha segnalato l'analogia e che invito a scriverci come è riuscito in questa ricerca certosino.
 
 
 
ecco la risposta di Gabriele
 
Gentile signora,
la ringrazio per l'entusiasmo con cui ha accolto e divulgato
la mia mail. Mi fa doppiamente piacere perciò avere fornito
una notizia in più a una vera appassionata e ai suoi lettori
e contributors.
Anch'io sono un appassionato dei giochi anni 60, i "miei",
visto che appunto sono del 1961. Come ho già scritto circa
un anno fa in un blog Furga parallelo al suo - della signora
Anna, credo - da piccolo ho vissuto anni felicissimi di giochi
a ciclo continuo con un incredibile nugolo di amichetti, amichette,
cuginetti e cuginette, amichetti e amichette di cuginetti e cuginette.
La faccio brevissima: nel turbine di macchinine, pistole, costruzioni,
eccetera roteavano anche le bambole che allora non erano
le Barbie ma le Susanne e compagne, un esercito. 
Quello che più mi è rimasto impresso e ha inciso profondamente
nel mio immaginio sono stati i titoli dei vestiti sui cataloghini. 
E' stato il primo "libro di consigli
di viaggio", un elenco di luoghi da non perdere. Al titolo è sempre
rimasto associato più o meno anche il disegno del vestitino.
Ovviamente, si cresce ma le cose dell'infanzia - e voi lo sapete bene -
non ci lasciano mai.
Il film di cui le ho parlato ieri l'ho visto anni fa e ho riconosciuto subito
qualcosa di familiare. Con l'avvento straordinario di Internet ho recuperato
molto di quanto perduto nei decenni e mi diverto ancora a navigare
su e giù per i siti e i blog di giochi e giocattoli che poi si trovano a caso
partendo da uno e arrivando a un altro per vie bizzarre ma stupefacenti.
Così fra Dinky Toys, Corgy Toys, Polistil, Politoys si può capitare anche
su Furga. La nostalgia si sa è canaglia e l'entusiasmo di ritrovare
a sorpresa qualcosa di bello sepolto nel passato mi ha spinto l'anno scorso
a scrivere alla signora Anna e quest'anno - arrivando chissà come alla
sezione "Analogie" - a lei.
La ringrazio di nuovo. Un saluto a tutte le sue amiche/amici.
Approfitto per ringraziare la signora Sgualdini che l'anno scorso
mi aveva tolto alcune curiosità sui cataloghi. Se non sbaglio mi aveva
chiesto di poter inserire la mia testimonianza in un suo volume.
Se vuole lo faccia pure, mi farà senz'altro piacere.
Approfitto anche per augurare Buon Natale e felice 2012 a voi tutte/tutti.
Un bambino del '61 
 
 
 
Guardate che bel gioco ha tovato Betty. Le bambole di carta erano un gioco bellissimo ,e anche Dorothy Provine la ritroviamo versione bambola di carta con tanti abitini. Grazie Betty per il tuo contributo. Come sempre trovi spunti originali
. Grazie per la tua vicinanza e i tuo consigli
 
 
 
. Photobucket Photobucket Photobucket   Photobucket  Photobucket Photobucket
 
 
Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy